Le voci dal “Mercato”: Vero e Falso

Entro il 23 Luglio 2007 tutte le apparecchiature immesse in commercio (anche quelle ancora nuove ed a questa data nei depositi dei distributori) dovranno ottemperare determinati limiti di emissione.

FALSO CHE:

  • Saranno proibite le apparecchiature ad Alta pressione
  • Saranno proibite le apparecchiature a Bassa pressione

Perché la nuova disposizione Europea definisce unicamente il limite massimo di irradianza che può raggiungere la pelle dell’utente specificando che la somma fra UVA ed UVB non dovrebbe mai essere superiore a 0.3 W/mq/nn.

Tutte le apparecchiature, sia quelle ad Alta Pressione sia quelle a Bassa Pressione possono essere facilmente adattate ad avere un’’emissione sulla pelle dell’utente che non superi i citati nuovi limiti.

La modifica alla Normativa non è stata ancora emanata è lecito ipotizzare, come spesso avviene, che in fase di approvazione la norma subisca alcuni cambiamenti rispetto a quanto ha prodotto fino ad oggi il nutrito e variegato gruppo di partecipanti che concorre alla sua redazione.

VERO CHE:

  • Non è stato ancora definito il tempo entro il quale, a partire dal 23 Luglio 2007 dovranno essere modificate le apparecchiature già in esercizio a quella data.

Questo perché il Regolamento Europeo, di fatto, lascia ai singoli Stati Membri la facoltà di stabilire tale termine di adeguamento. Ad oggi non esiste nessun documento del Governo Italiano.

FALSO CHE

  • Le apparecchiature usate, commercializzate dopo il 23 Luglio 2007 potranno usufruire dei “vecchi limiti di emissione”.

VERO CHE

  • L’adeguamento delle apparecchiature già commercializzate ai nuovi limiti di emissione comporterà, a parità di dose emessa, un allungamento dei tempi di sessione.

grafico-emissione-nuovi-limiti

VERO CHE

  • Dal punto di vista tecnico le modifiche da apportare ai solarium per renderli conformi alla normativa di prossima emanazione sono estremamente semplici ed immediate. Ad esempio un’azienda che ha commercializzato una cabina abbronzante, per esempio con 48 tubi da 2.2 % di UVB, dovrà semplicemente sostituire il tipo di tubo con un altro dalla % di UVB contenuta fina ad ottenere con lo spettroradiometro una lettura nella posizione dell’utente(UVA+UVB) di 0,3 W/mq/nn.

Per i solarium ad Alta Pressione, l’”adeguamento” tecnico, quando necessario, sarà altrettanto facile e rapido. Le aziende dovranno in questo caso intervenire presso i clienti che chiederanno l’adeguamento dei propri solarium inserendo filtri appropriati ad ottenere una lettura di emissione nella posizione dell’utente non superiore a (UVA+UVB) 0,3 W/mq/nn.

FALSO CHE

  • Esistono Tubi a norma
  • Esistono Filtri a Norma

Questo perché il limite di emissione è calcolato con una misurazione che deve essere effettuata nella posizione che l’utente ha all’interno del solarium.

La distanza dell’utilizzatore dalle Lampade , il loro numero, la loro potenza, la temperatura e le loro caratteristiche tecniche, sono variabili imprescindibili per il calcolo dell’irradianza .

Ogni solarium ha la necessita di un particolare e specifico tipo di lampada (o filtro) per rispettare i limiti di emissione previsti dal nuovo regolamento Europeo.