Archivio di agosto 2009

Pelle al sicuro, prima di tutto!

lunedì 31 agosto 2009

ragazzaisoOgni appassionato di abbronzatura conosce perfettamente la differenza che passa tra una semplice tintarella… e una scottante bruciatura! Esistono infatti due tipi di effetti legati all’esposizione solare: l’abbronzatura (sun tanning) e l’infiammazione (sun burn).

ABBRONZATURA (sun tanning)
“Sun tanning” significa pelle abbronzata fino al raggiungimento del colorito bruno. La pelle diviene colorata grazie all’azione della melanina, che agisce come un filtro, proteggendo le cellule e il DNA dalla penetrazione  in profondità e dall’eccesso di energia dei raggi ultravioletti. Per una buona abbronzatura è indispensabile cominciare con un’irradiazione ridotta (brevi esposizioni).

INFIAMMAZIONE (sun burn)

“Sun burn” significa scottatura: è un’infiammazione della pelle causata dal danno indotto da un’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti (in particolare a quelli di tipo B). Persone con carnagione chiara (fototipi I e II) e/o strato corneo sottile hanno scarse capacità di protezione dai raggi ultravioletti; pertanto, quando eccedono i propri limiti di esposizione nel tentativo di abbronzarsi più rapidamente, la loro pelle si infiamma e, insistendo con l’esposizione, si ustiona. (altro…)

Montature giornalistiche: l’opinione di ESA

lunedì 31 agosto 2009

Anche la European Sunlight Association (ESA) contrasta la montatura giornalistica sui lettini abbronzanti, in relazione alla recente categorizzazione dei lettini abbronzanti come “Gruppo 1″ carcinogeno.

“The European Sunlight Association non sosterrà e non permetterà che siano ingiustamente diffamati i nostri prodotti e migliaia di proprietari di piccole imprese che sono anche nostri membri, esagerando grossolanamente i rischi associate ai lettini abbronzanti”, ha dichiarato Cristina Lorenz, presidentessa dell’ESA.

“Poiché i lettini abbronzanti producono la stessa luce UV che produce il sole, la SOVRAESPOSIZIONE e l’abuso dei nostri prodotti – cosi come la SOVRAESPOSIZIONE ai raggi del sole- è associata con un incremento del rischio per alcuni tipi di cancro alla pelle. Gli altri elementi che fanno parte di questa categoria sono: il vino rosso e pesce conservato sotto sale. Studi scientifici suggeriscono che bere vino rosso o altri tipi di bevande alcoliche comporti maggior rischio cancro dell’abbronzatura.” (altro…)

Alla luce del sole

lunedì 3 agosto 2009

timesVi presentiamo alcuni documenti in risposta alle ultime accuse della stampa sulla presunta pericolosità dei solarium che potete scaricare, stampare e leggere dai seguenti link:

Ecco la  traduzione del primo comunicato dall’Inglese.

Le campagne dei media che paragonano l’abbronzatura artificiale a tossine come il mustard gas, sigarette e arsenico sono inverosimilmente esagerate. L’abbronzatura delle lampade abbronzanti ricade infatti nel noto “Gruppo 1″, lo stesso che include il vino rosso, il pesce sottosale e la luce del sole naturale .  E’ così piuttosto strano che i titoli in cerca di facili sensazionalismi suggeriscano l’idea che “Un bicchiere di Merlot è mortale quanto una dose di mustard gas”.

I raggi ultravioletti dei lettini abbronzanti sono della stessa natura dei raggi ultravioletti che provengono dal sole, che sono stati categorizzati come “Gruppo 1″ dal 1992. Non c’è da meravigliarsi quindi che i lettini abbronzanti siano stati ora inseriti nella stessa categoria, visto che risulta lampante è la SOVRAESPOSIZIONE ai raggi ultravioletti ad essere associata all’aumento di richi di alcune forme di cancro, indipendentemente dalla loro origine naturale o artificiale.

E’ proprio per questo che la Indoor Tanning Association ha sempre sottolineato l’importanza di una moderazione nella vostra abbronzatura.”