Cosa fare per essere in regola con professionalità

Oggi più che mai, con questa continua demonizzazione delle apparecchiature abbronzanti, veicolata dalla diffusione da parte dei media di notizie infondate e allarmanti, che si traducono nell’approssimazione di risoluzioni istituzionali parziali e penalizzanti, è importante opporre al pregiudizio relativo alla pericolosità dell’abbronzatura indoor un alto livello di professionalità, sia da parte dei produttori di apparecchiature abbronzanti, sia da parte degli operatori impegnati a gestire tali apparecchiature per fornire il migliore servizio all’utente finale.

isoisoI.SO Italia, da sempre in prima linea per la salvaguardia della salute ed incolumità dei clienti dei centri d’abbronzatura, esprime lo stesso impegno nell’aggiornamento costante, l’informazione dettagliata, la consulenza tecnica, che possono garantire agli operatori di un centro il massimo della competenza ed affidabilità, doti di sicuro interesse per un’utenza consapevole e attenta. Ricordiamo qui di seguito alcune norme da tenere nella massima considerazione per una gestione responsabile delle apparecchiature abbronzanti.
A fronte di eventuali verifiche, ma soprattutto per un’immediata percezione di sicurezza e professionalità da parte dei clienti, è bene:

  1. verificare che l’etichetta della propria apparecchiatura abbronzante, recante il numero di matricola al marchio CE, sia bene in vista (così prevede la legge).
  2. all’interno della cabina abbronzante siano correttamente esposte
    o    le locandine che riportano le regole per una corretta abbronzatura.
    o    i certificati di emissione dell’apparecchiatura abbronzante
    o    La  locandina indicante i farmaci foto-allergenici.
  3. inoltre, è assolutamente necessario tenere il manuale d’uso e il libretto di manutenzione (che deve essere realizzato rigorosamente in lingua Italiana ) all’interno dell’istituto, disponibile a fronte di eventuali richieste ispettive dell’ASL.
  4. attenzione: le lampade ed i tubi installati sull’apparecchiatura devono essere quelli previsti nel manuale di uso e manutenzione. Molte ASL non accettano (giustamente) l’inserimento di tubi con una percentuale di UVB diversa da quella prevista nel manuale.
  5. fondamentale, anzi in alcune regioni obbligatorio, tenere sempre a disposizione di eventuali controlli il LIBRETTO DI MANUTENZIONE, sul quale riportare tutti gli interventi tecnici subiti dall’apparecchiatura, compreso il cambio lampade.

Sarà inoltre bene avere, a corredo ed approfondimento delle regole per la corretta abbronzatura presenti nella locandina dedicata, opuscoli a disposizione del pubblico, che spieghino in modo chiaro e completo come effettuare la più sicura ed efficace seduta abbronzante, quali siano gli effetti positivi dell’abbronzatura, nonché i rischi legati ad eventuali eccessi.

Ricordiamo che le pratiche “Guida al Solarium” possono essere scaricate dal sito internet www.isoitalia.com oppure possono essere richieste al concessionario di zona.